Skip to content

Willie Peyote – Robespierre Lyrics

Willie Peyote – Robespierre Lyrics

Come Robespierre taglio la testa ai re
Fino a che non taglieranno la testa a me
Come Robespierre taglio la testa ai re
Fino a che

Tutti hanno voce in capitolo
Vanno e mi dicono: “Trovaci un senso, mettici impegno”
Vent’anni di nuovo millennio
E un ventenne rimpiange il ventennio (Che famo, bestemmio)
Dicono scarso, dicono genio
Qui sembri Jova, lì Guè Pequeno
Dicono quello che dicono a tutti, si, “Prima eri meglio” (Fra’, molto meglio)
Ah, e cosa sarebbe cambiato
Adesso i parenti mi sentono in radio
Un pezzo nel disco di un tizio che ha vinto due grammy
Non so se vi è mai capitato
C’è chi si sente derubato
Perché mi ascolta pure la shampista
E ha la cultura, è roba di sinistra
Ma è un filo classista

E io non indietreggio (Non indietreggio)
Pio e Amedeo sono il nuovo che avanza
La satira la fa Ezio Greggio
Non c’è limite al peggio
Passano gli anni, nessuno va avanti
Mangiate gli avanzi
Parlate per poi riascoltarvi
Come Andrea Scanzi

L’autoerotismo non è l’autostima
Se questi si fanno le seghe allo specchio
Per le stronzate, lo so, l’ho già detto
Che nel disco vecchio ero già troppo vecchio
E nel disco nuovo vi smonto di nuovo
Per l’odio che provo già dal giorno uno
Multitasking come nessuno
Vi insegno italiano in più vi faccio il culo

Potrei dire che va tutto bene, ma non fa per me
Dire ciò che vuoi sentirti dire, ma non fa per me
Non sono il portavoce di nessuno tranne me
Troppi re, tutti tranne me, come Robespierre

Potrei dire che va tutto bene, ma non fa per me
Dire ciò che vuoi sentirti dire, ma non fa per me
Non sono il portavoce di nessuno tranne me
Fino a che toccherà anche a me, come Robespierre

Io resto nel viaggio, e ‘sti cazzi il messaggio
Il ruolo che rende di più è lo scemo del villaggio
Voi fate tappezzeria, siete parte del paesaggio
Io invece ho troppa personalità, non mi serve anche un personaggio

A parte il linciaggio, la caccia alle streghe (La caccia alle streghe)
Oggi chi scegliete, gogna su Twitter, la fame e a sete (La fame e la sete)
Però in buona fede
Non mi compete, voglio imparare
È superficiale, la gente mi chiede di comunicare, apparire più in rete
Voi cose da dire ne avete
Non sono mai vero abbastanza per i vostri standard, per quanto ne so
Nonostante i soldi a cui ho detto di no
Per pubblicità, market, talent show
Però la corona non mi interessa
La gente ti ama, poi ti detesta
Almeno tu nell’Universal
Prendi la mira, punta alla testa

Non dico che è in nome
Della libera espressione, ognuno può dire il cazzo che vuole
Però dipende, non è che se ti offende significa che c’hai sempre ragione

Potrei dire che va tutto bene, ma non fa per me
Dire ciò che vuoi sentirti dire, ma non fa per me
Non sono il portavoce di nessuno tranne me
Troppi re, tutti tranne me, come Robespierre

Potrei dire che va tutto bene, ma non fa per me
Dire ciò che vuoi sentirti dire, ma non fa per me
Non sono il portavoce di nessuno tranne me
Fino a che toccherà anche a me, come Robespierre